Giuseppe Conte: dal 10 marzo tutta Italia è “zona protetta”

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 9 marzo 2020 recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale.

Il provvedimento estende le misure di cui all’art. 1 del Dpcm 8 marzo 2020 a tutto il territorio nazionale. È inoltre vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Tali disposizioni producono effetto dal 10 marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020.

Sono estese dunque a tutte le Regioni italiane le misure che erano state fissate già per la Lombardia ed altre 14 province per cercare di contenere l’emergenza del Coronavirus.

È stato esteso il divieto di spostamento in tutta Italia se non per alcuni comprovati motivi:

  • motivi di lavoro
  • gravi esigenze familiari
  • motivi sanitari
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza

Il Presidente del Consiglio ha dichiarato, nella conferenza stampa di ieri, che i numeri evidenziano una crescita importante nei contagi e che le nostre abitudini vanno cambiate e vanno cambiate ora! Si è quindi deciso di adottare misure più stringenti, più forti.

Il premier ha proseguito la conferenza dichiarando che stava per firmare un provvedimento che si poteva sintetizzare come “io resto a casa”.

Non ci sarà più una zona rossa ma tutta Italia sarà “zona protetta”.

Tutte le immagini e video pubblicati in questo articolo sono stati messi a disposizione con licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT