Riforma del Terzo Settore: stato dell’arte

In riferimento al seminario organizzato con l’Avvocato Sepio con la presente sintetizziamo la situazione attuale della Riforma del Terzo Settore in particolare gli adempimenti che interessano le Pro Loco Associate

  • Il RUNTS Registro Unico degli Enti del Terzo Settore con molta probabilità non sarà operativo se non dopo GENNAIO 2021
  • Lo statuto TIPO per le Pro Loco non ha ancora ottenuto la validazione del Ministero, quindi ad oggi l’unica possibilità è quella di iscrivere le Pro Loco al registro Regionale APS con procedura specificata nella Assemblea Regionale del 19/01/2020 e concordata dal Comitato Regionale con la Regione Piemonte
  • Le Pro Loco che all’entrata in funzione del RUNTS risultano già iscritte nei registri nazionali o regionali saranno automaticamente iscritte nel RUNTS e sottoposte a verifica da parte della sezione Regionale del Registro, si precisa che il registro sarà nazionale ma gestito a livello regionale
  • Il regime fiscale della 398/91 con molta probabilità resterà in vigore ancora per tutto il 2021, si presume che solo dal 01/01/2022 sarà sostituito dal nuovo regime fiscale previsto per le APS dalla riforma del Terzo Settore. In quanto per espressa previsione normativa le modifiche introdotte dalla riforma entreranno in vigore a partire dal periodo di imposta successivo all’autorizzazione da parte della Commissione europea e, comunque, non prima del periodo di imposta successivo a quello di prima operatività del Registro Unico Nazionale del Terzo settore (art 104 co 2 del Codice Terzo Settore)

Svolgimento assemblee

Il Governo nelle FAQ del 1° giugno pubblicate sul sito ha previsto la possibilità di svolgimento delle assemblee di qualunque tipo, ivi comprese, quindi anche quelle degli enti non profit in “presenza fisica” dei soggetti convocati, a condizione che

  • siano organizzate in locali o spazi adeguati, eventualmente anche all’aperto
  • sia assicurato il mantenimento continuativo della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro fra tutti i partecipanti

Resta ferma la possibilità di svolgimento delle medesime assemblee da remoto

Nel caso di svolgimento delle assemblee in presenza il Governo non detta regole precise in merito al numero massimo di partecipanti ma si dovrà tener conto della capienza dei luoghi in cui le assemblee avranno luogo

Resta fermo l’obbligo di garantire le misure di contenimento, il distanziamento sociale nonché la messa a disposizione di gel disinfettante nei locali in cui si svolgerà la riunione.

Contributo a fondo perduto

Anche per gli Enti NON Profit viene data la possibilità prevista dall’art 25 del Decreto Rilancio di poter accedere ad un contributo a Fondo Perduto, facendo riferimento alla diminuzione del fatturato e dei corrispettivi di Aprile 2020 rispetto a quello di Aprile 2019. Il fatturato del 2020 deve essere inferiore a quello del 2019 di un importo pari ai due terzi.

Sulla circolare esplicativa della Agenzia delle Entrate e evidenziato che ci saranno controlli puntuali sull’erogazione dei contributi e dei dati dichiarati.

Consigliamo le Pro Loco di contattare i propri consulenti fiscali per la valutazione dell’opportunità concessa.